Cristiano Andrenacci – Violinista

Fin da piccolissimo ha avuto sempre grande fantasia e manualità infatti, già dall’età di 3-4 anni, giocava con delle tavole di legno, le prendeva e fingeva fossero un violino o una chitarra.
Sua madre ha voluto assecondare le sue fantasie e così lo ha portato a lezioni private da un insegnante di violino.

Ha iniziato a suonare da piccolissimo, non aveva compiuto ancora i 6 anni di età ed ha continuato fino a 13.

Arrivato fin qui con molta passione.. per tutti quei “motivi” che sorgono durante la nostra adolescenza, sono cambiate le sue priorità e ha iniziato a mettere da parte gli studi del violino fino ad abbandonarli definitivamente.

Così per i successivi 15 anni, la musica non ha fatto più parte della sua vita.. Fino a quando un giorno ha incontrato un suo amico di infanzia in un momento molto particolare della sua vita, uno di quei momenti dove metti in discussione tutto!

Dopo molti anni lui è venuto a casa sua e gli ha detto:

“ciao Cristiano, ho un gruppo, con i nostri amici di infanzia ti andrebbe di suonare con noi? Dai vieni.. ci divertiamo un po’”

Cristiano ha risposto:

“sono 15 anni che non ascolto nemmeno più musica.. che cosa vuoi che suoni?”

Il suo amico ha insistito e lui giusto per stare fra amici ha accettato. Non riusciva nemmeno a prendere una nota,

non ricordava le note sulla tastiera del violino e tutt’ora non le sa e non sa leggere lo spartito!

Come un tornado si è riaccesa tutta la passione che aveva da piccolo.
Ha ricominciato a suonare, passando diversi gruppi, tutti molto importanti per lui che gli hanno permesso di arricchire il suo background musicale.
Tormentato benevolmente negli anni da tutte quelle note che uscivano dai “Fiddler” , dei violinisti irish, ha deciso, insieme a Marco e Michael, (i suoi amici) di provare a suonare questa musica che tanto lo affascinava.

Con non poche difficoltà sono riusciti a creare qualcosa di cui vanno molto fieri, una cosa bellissima, in cui ognuno di loro è riuscito a mettere il proprio vissuto, il bagaglio musicale e culturale in ogni pezzo.
Ancora oggi racconta di quando, accampati al Montelago Celtic festival, stavano lì ad ascoltare i “bravi” dei gruppi per capire e “rubare” suoni e melodie, fino a quando con immensa soddisfazione..

..sono riusciti nel 2016 a vincere l’European Celtic Contest di Montelago.

In tutti questi anni ha sempre lavorato da artigiano e con la sua conoscenza e manualità, oggi costruisce personalmente i suoi violini, cercando di far crescere questo mercato per amore della musica, per la grande passione che nutre verso il violino e la liuteria.